2012ArchivioCASA MASACCIO

Contemporary Renaissance

CONTEMPORARY-RENAISSANCE

RESIDENCY IN CONTEMPORARY REINAISSANCE
Residenza di artisti in Casa Masaccio Centro per l’Arte Contemporanea | Mostra/Display (novembre 2012 – gennaio 2013)

Esposizione dei lavori prodotti dagli artisti
1 dicembre 2012 – 20 gennaio 2013

Artisti: Vibha Galhotra (Dheli), Monali Meher (Amsterdam/Munbai), Remen Chopra (Dheli) Sonia Jose (Bangalore)

a cura di Veeranganakumari Solanki (Munbai)

Giovane curatrice proveniente da Munbai, India, vincitrice ad Artissima del Curator Prize 2011, Illy Sustain Art .

La residenza di artisti è realizzata nell’ambito del progetto di iniziativa regionale Toscanaincontemporanea 2012

Casa Masaccio arte contemporanea in collaborazione con MKSA, giovane istituzione no profit di , e con il patrocinio dell’Associazione Italia – India e dell’Associazione indoeuropea per la moda e il design, e con il patrocinio dell’Ambasciata Indiana in Italia, promuove nell’ambito del progetto Toscanaincontemporanea2012 una residenza d’artisti indiani in Casa Masaccio a San Giovanni Valdarno a partire dal mese di Novembre 2012. Dal 1 dicembre 2012 al 20 gennaio 2013 saranno esposti in Casa Masaccio, i lavori prodotti durante la residenza d’artista.

Nella casa del grande artista, divenuta spazio di creazione contemporanea, si sviluppa il progetto Casa Masaccio “residenza d’artisti”, che mira alla creazione di una piattaforma permanente di residenze d’eccellenze per la mobilità degli artisti sia nazionali che esteri. Un progetto che fa dell’arte lo strumento per capire il presente, le sue trasformazioni e i nuovi linguaggi, un progetto che intende creare un ponte tra memoria e contemporaneità. Il progetto si inserisce nell’ambito di una collaborazione tra Casa Masaccio (SGV) e MKSA (Munbai), finalizzata allo sviluppo delle relazioni e al confronto internazionale tra spazi d’arte contemporanea e tra giovani curatori, critici e artisti dei due paesi. Casa Masaccio con questa residenza d’artisti propone un progetto di respiro internazionale capace di guardare a realtà emergenti in un periodo di globale difficoltà.

Dedicare un progetto specifico di residenza ad artisti indiani resta un fatto inedito per l’Italia, e resta un dato molto importante per le realtà indiane coinvolte nel progetto, che solitamente instaurano legami profondi là dove vedono un investimento dedicato. La residenza si propone anche come volano di promozione e di valorizzazione del Valdarno e del territorio regionale nel suo insieme. Attraverso i rapporti culturali ed istituzionali che si svilupperanno con l’attivazione di una vera e propria agenda sull’India in Valdarno e sul territorio regionale, sarà possibile attivare un’efficace e proficua strategia di marketing territoriale. Gli artisti invitati, attraverso le loro pratiche artistiche e la scelta di diversi media, saranno chiamati ad interrogarsi e a confrontarsi con la comunità locale, con la storia artistica, economica e sociale della città e con le sue trasformazioni contemporanee. Il confronto sui temi proposti investirà lo spazio e i luoghi interessati dal progetto e gli artisti saranno chiamati a produrre dei lavori che saranno realizzati in situ, per essere poi esposti temporaneamente, alla fine della residenza, in Casa Masaccio, dal 1 dicembre 2012 al 20 gennaio 2013.

Residency in Contemporary Reinaissance
San Giovanni Valdarno, la città toscana nella valle dell’Arno, nel distretto di Arezzo, traccia una personale e significativa associazione tra arte, cultura e architettura. Luogo di nascita di Masaccio famoso pittore del Rinascimento (b. 1401), San Giovanni Valdarno ha un rapporto significativo e prolungato con le pratiche e i mutevoli movimenti artistici che si integrano all’interno della storia, dell’arte e della cultura di questa città. Anche se San Giovanni Valdarno è stata fondata nel 1299 dalla Repubblica di Firenze, si è integrata con le culture e influenze provenienti dalle regioni limitrofe, assorbendo in tal modo elementi multiculturali fin dall’inizio. Il layout architettonico del centro storico della città è stato creato da Arnolfo di Cambio in base al layout delle città romane con una piazza che forma il centro con due strade principali su entrambi i lati da cui la città si estende attraverso strade secondarie. Anche se San Giovanni Valdarno è una città industriale, ha conservato e conserva il suo patrimonio culturale ed artistico. La città attraversata da artisti e movimenti nel corso dei secoli è stata influenzata dagli eventi storici, politici e avvenimenti contemporanei. Artisti che hanno proposto punti di vista personali e idee attraverso pratiche trasformate in linguaggio universale, così come la storia della città di San Giovanni Valdarno. Gli artisti invitati a partecipare a questa residenza, saranno chiamati ad esplorare e scavare attraverso idee e ricerche, la storia architettonica e artistica della città, integrandola nel loro operare e nelle loro pratiche artistiche personali. Una residenza che si preoccuperà di sviluppare, attraverso gli artisti e il curatore, un dialogo con San Giovanni Valdarno, la sua cultura e la sua popolazione, e al tempo stesso creerà, attraverso pratiche artistiche contemporanee, nuove idee e forme.

FILE ALLEGATI:
PROGRAMMA MOSTRA E INAUGURAZIONE ›
TAVOLA ROTONDA E PROFILI DEI PARTECIPANTI ›
COMUNICATO STAMPA ›
INVITO PRESENTAZIONE CATALOGO ›
INVITO MOSTRA ›

Ingresso gratuito.

Orari:
feriali 15.00 – 19.00 festivi 10.00 – 12.00 | 15.00 – 19.00

a cura di
casa masaccio / centro per l’arte contemporanea
52027 San Giovanni Valdarno
Corso Italia, 83
Tel. 055 9126283
casamasaccio@comunesgv.it
www.casamasaccio.it

arte-della-fuga
Precedente

Collezione comunale d'arte contemporanea

fuori-posto
Successivo

Fuori posto