2009ArchivioCASA MASACCIO

Rinascimento Virtuale. L’arte in second life e nei virtual words

manifesto_rinascimentoCasa masaccio propone nei suoi spazi, dal 18 luglio al 9 agosto 2009, un tour negli universi sintetici con la mostra ” Rinascimento Virtuale. L’arte in second life e nei virtual words” curata da Mario Gerosa e presentata durante l’ultima edizione del Festival della Creatività 2008.
La mostra, in prestito dalla Fondazione sistema Toscana, presenta le avanguardie artistiche contemporanee che nascono e vivono solo nei Mondi Virtuali e nei Social Media.
Lo scopo è portare nel “mondo reale” quello che altrimenti adesso sarebbe fruibile solo in virtuale/digitale, facendo emergere gli esempi più significativi dell’arte in Second Life. In questo universo sintetico popolato da più di quindici milioni di residenti ci sono moltissime persone che sperimentano nuove forme espressive, assolutamente inedite, destinate a diventare presto nuove tendenze, facendo nascere nuovi stili, che sono in attesa di essere legittimati dalla critica e dal mercato dell’arte.
Stili come l’Impressionismo digitale, il Postkitsch, il New Pop, l’Avatar Art, l’Iperformalismo, l’Ultranaif, non hanno ancora dei riferimenti sicuri. È quindi auspicabile creare una sorta di atlante iconografico, che permetta di ravvisare una serie di categorie, cominciando a classificare gli esponenti e le opere più rappresentativi di ciascun genere. Questo tipo di operazione è assolutamente pionieristica: il dibattito sullo stato dell’arte in Second Life è ancora agli esordi e un’esposizione di questo genere rappresenta una vera novità.

orari : feriali 16/19, festivi 10/12-16/19, lunedì chiuso

FILE ALLEGATI: CARTOLINA INVITO ›

casa masaccio / centro per l’arte contemporanea
52027 San Giovanni Valdarno
Corso Italia, 83
Tel. 055 9126283
casamasaccio@comunesgv.it
www.casamasaccio.it
www.generacomunicazioni.tv

2009060301_LACITTAINVISIBILE
Precedente

La città (in)visibile, vivere insieme nella città diffusa del Valdarno

home_2009_sx
Successivo

L’evento immobile. Lo sguardo ostinato