2009ArchivioCASA MASACCIO

Mnemoteca_archivio della memoria contemporanea

Viaggio tra fonti storiche e sorgenti web

Dato il successo di pubblico, siamo lieti di comunicare che la mostra Mnemoteca_archivio della memoria contemporanea viaggio tra fonti storiche e sorgenti web, allestita in Casa Masaccio a San Giovanni Valdarno, sarà prorogata fino a domenica 24 Maggio 2009.

La mostra “Mnemoteca_archivio della memoria contemporanea viaggio tra fonti storiche e sorgenti web”, propone attraverso i mezzi della tecnologia multimediale e del web, filmati e video dedicati al racconto della memoria individuale e collettiva del Valdarno.
Un percorso di immagini, tra volti, luoghi ed emozioni, per la costruzione di una “Mnemoteca” dove raccogliere la “memoria dal basso” (tra sogni e bisogni) della comunità.
Una “biblioteca della memoria”, che sperimenta la naturale capacità dell’uomo di ricordare le informazioni trasformate in immagini o in storie. Un museo vivo di racconti memoriali, che offrono una pluralità di testimonianze individuali e collettive.
Una ricostruzione della memoria collettiva del nostro territorio attraverso la raccolta di storie e memorie di vario tipo: filmati e fotografie di narrazioni individuali e collettive, familiari, del mondo del lavoro, intergenerazionali e multiculturali.
Il “viaggio tra fonti storiche e sorgenti web” suggerito dalla mostra, si propone di riflettere su che cosa significa appartenere ed identificarsi oggi in un territorio, gettando un ponte creativo tra cultura locale e cultura globale, tra tradizione e innovazione, memoria e contemporaneo, attraverso proiezioni permanenti e temporanee.
L’iniziativa propone tra l’altro immagini storiche tratte dal film SanGiovanni ciack, un filmato sul carnevale sangiovannese del 1954 girato da Giuseppe Corsi, opere di video arte legate all’attività di casa masaccio, e progetti che utilizzano mappe cognitive ed emozionali georeferenziate sul web, come “Luoghi della memoria antifascista in Valdarno” e “ SGV multisensoriale”, oltre ad una nutrita rassegna di film e corti prodotti da Videomakers del territorio e prestati in parte dalla cineteca nazionale fedic e da altri archivi.
L’obiettivo principale è costituito dal desiderio di mescolare passato e contemporaneo, di indurre riflessioni sulle funzioni della memoria, collegate alla tradizione, al formarsi dell’identità, interrogandosi sul senso di comunità e sui significati attribuiti dalla gente al proprio vissuto e al vissuto collettivo. I filmati e i video presentati in questa occasione , saranno utili a individuare sul territorio tracce di quel passato che ne rappresenta l’identità. Il progetto, mnemoteca_archivio della memoria contemporanea, vuole essere quindi, il punto di partenza per la costituzione di un archivio multimediale di materiale storico e contemporaneo e di un progetto più ampio per la realizzazione di una mediateca sul territorio del Comune di San Giovanni V.no.

Sabato 9 maggio 2009 casa masaccio contemporanea, nell’ambito delle iniziative per la costituzione di un Archivio della Memoria contemporanea presenta:

“LA MUTAZIONE CULTURALE, TRA MEMORIA UMANISTA E FUTURO DIGITALE”

alle ore 17.00 in Casa Masaccio, una conversazione dal titolo “PERFORMING MEDIA, TRA MEMORIA E MUTAZIONE” con Carlo Infante libero docente di performing media, Emanuele Bani Assessore alla Cultura del Comune di S. Giovanni Valdarno, Emanuela Caroti Assessore alla Cultura della Provincia di Arezzo, Enzo Brogi Consigliere Regionale della Toscana, Stefania Ippoliti Mediateca Regionale, Mirko Lalli Fondazione Sistema Toscana responsabile marketing e comunicazione, Fernando Maraghini Almasen artisti associati, Mario Spiganti Mediateca- Comunità Montana del Casentino.

dalle ore 17.00 in Corso Italia il progetto “ LE VALLI DELLA MEMORIA”, un vecchio furgoncino, per la città in cerca di storie ed esperienze da raccogliere e raccontare in video. Ideato e realizzato dall’Associazione “Almasen artisti associati”.

FILE ALLEGATI:
INVITO ›
DEPLIANT ›

Empireo
Precedente

Ascolti delle Visioni

2009060301_LACITTAINVISIBILE
Successivo

La città (in)visibile, vivere insieme nella città diffusa del Valdarno