2010ArchivioCASA MASACCIO

Guerra e Pace, Gian Marco Montesano

Il titolo di questa grande mostra di Gian Marco Montesano presso la “Casa di Masaccio” di San Giovanni Valdarno, “Guerra e pace”, mette insieme i due poli tematici dell’attività dell’artista italiano più significativo della svolta figurativa degli anni Ottanta. La guerra e il periodo immediatamente seguente della ricostruzione e del ritrovato benessere,, gli anni Cinquanta e Sessanta, sono stati particolarmente indagati dall’artista torinese, che vive tra Bologna e Parigi. Gian marco Montesano, di cui tutti ricordano la partecipazione al Padiglione Italia della scorsa Biennale d’arte di Venezia, è un caso unico in Europa e nel mondo perché ha saputo ridare senso alla pittura di storia. Sono celebri infatti i suoi ritratti dei dittatori del secolo scorso, Hitler e Stalin, ma anche le sue innumerevoli e straordinarie opere legate al rapporto tra la guerra e la gente comune, con particolare attenzione ai bambini. L’artista sta creando da quasi 30 anni un grande romanzo popolare attraverso una pittura ad olio classica originale nelle inquadrature e nelle atmosfere.
La sua pittura dedicata al Novecento e ai suoi personaggi importanti, è presente in mostra con parte dell’opera “Padiglionitalia” costituita da 200 lavori 40×30 con cui ha partecipato alla Biennale. Personaggi illustri e meno noti, sono rappresentati in una sorta di carrellata sul XX secolo, con particolare attenzione all’Italia, ma sempre con uno sguardo sul mondo. Per Montesano l’arte è indagine della memoria, fissazione di ciò che è accaduto attraverso l’eternità della pittura, ma anche luogo in cui le culture si mescolano, in cui le immagini vengono poste in sequenza per diventare un immenso film di ciò che è accaduto. La mostra di San Giovanni presenta complessivamente un centinaio di opere tra cui un magnifico trittico di 6 metri dal titolo “Credere, obbedire, danzare” del 2009 in cui la fisicità del corpo, la leggerezza della danza, e l’immagine degli sport sotto la dittatura nazista, sono giustapposti in un inno alla bellezza. Dal 1990 ad oggi l”Guerra e pace” presenta un compendio molto ampio dei temi trattati dall’artista nel corso della sua attività, dalle immagini della guerra fino alle copertine della rivista di fotoromanzi Grand Hotel, dalle icone di un’Italia del boom economico fino alle scene teatrali, si dipana un percorso antologico di grandi opere. Il curatore della mostra Valerio Dehò ha realizzato la prima monografia dell’artista nel 1999 ed è uno dei critici italiani che maggiormente si è occupato del ritorno della pittura dopo la stagione concettuale. Un catalogo viene edito per l’occasione dalla galleria Carini & Donatini.

Inaugurazione sabato 22 Maggio 2010 ore 18:30

Dal 22/05/2010 al 04/07/2010
ORARI MOSTRA: feriali 16/19 festivi 10/12-16/19, lunedì chiuso
INGRESSO: gratuito

FILE ALLEGATI: COMUNICATO DELLA MOSTRA ›

casa masaccio / centro per l’arte contemporanea
52027 San Giovanni Valdarno
Corso Italia, 83
Tel. 055 9126283
casamasaccio@comunesgv.it
www.casamasaccio.it

Ufficio Stampa
Ambra Nepi Comunicazione
Tel. 055 244217 – 055 242705 – 348 6543173
ambranepicomunicazione@gmail.com

img295-meoni
Precedente

no - where / now - here

nottebianca
Successivo

La Notte Bianca "Contemporanea" / "About_ The Utopian Display_ Platform_[10]"